sabato 5 marzo 2011

Nuove strade

Chi ci ha seguito fin qui conosce i risultati che i ragazzi di Chimbote hanno saputo ottenere. Ebbene, questo non basta: occorre imboccare nuove strade, evolversi, sviluppare nuovi prodotti che dimostrino il livello tecnico raggiunto. Proprio per questo, per posizionare la Papelera Don Bosco nel segmento più alto del mercato, si è deciso di iniziare la produzione di carta per acquarello e di partecipazioni di nozze. E che non si tratti di partecipazioni  qualunque lo vedremo in questo racconto fotografico.
Le partecipazioni sono stampate su carta a mano della migliore qualità .... 
.... che può mostrare in filigrana le iniziali degli sposi. 
Le iniziali possono anche essere inserite in un cartiglio, sempre in filigrana ... 
Ed ecco una partecipazione finita, dove la luce radente mette bene in evidenza la filigrana:
Anche la busta ha ricevuto la giusta attenzione ... 
... con un’impressione a secco che ne certifica la provenienza. 
A fianco dei canali di vendita tradizionali, si è pensato di utilizzare anche le possibilità di vendita online offerte da Internet, creando un sito apposito. Ma di questo parleremo più avanti. 
Le tecniche della filigrana e dell’impressione a secco saranno applicate anche nella fabbricazione di carta da lettera di lusso.

venerdì 4 marzo 2011

Filigrane

Uno dei punti di forza della Papelera è la tecnica della filigrana. Come vi abbiamo già raccontato, la filigrana si ottiene diminuendo lo spessore della carta nei punti voluti, in modo da formare un disegno. Tale diminuzione di spessore si ottiene applicando sul telaio di formazione della carta una matrice che riproduce il disegno da realizzare. Ed ecco un telaio con matrice, mostrato orgogliosamente da Michi: 
 http://www.cartaamanonelleande.org/IT/galleria_filigrane
La preparazione del telaio è preceduta da un lavoro di grande precisione, cioè la formazione della matrice, di cui qui vediamo un esempio:
 http://www.cartaamanonelleande.org/IT/galleria_filigrane
La matrice può essere costruita con procedimenti di fotoincisione, oppure con la tecnica del traforo. La forma, sulla quale la matrice è cucita con filo sottile, viene utilizzata nel modo tradizionale, come si vede dall’immagine qui sotto, che mostra un foglio appena separato dalla forma e posato sul feltro.
 http://www.cartaamanonelleande.org/IT/galleria_filigrane
Ed infine, ecco il risultato: un foglio steso ad asciugare che riceverà un giorno l’iscrizione di un diploma:
 http://www.cartaamanonelleande.org/IT/galleria_filigrane