giovedì 8 dicembre 2016

Un appello

Come abbiamo ormai tante volte ripetuto, le periferie di Nuevo Chimbote versano in condizioni di estrema povertà. Nessuno meglio di Padre Samuele, che conoscete fin dall’inizio della nostra avventura, è in grado si descriverla. Citiamo alcuni brani di una lettera (che potete scaricare integralmente qui) con la quale si rivolge a noi, chiedendo il nostro aiuto:

“ ... la parrocchia è grande e continua a crescere, soprattutto nelle zone più marginali; continuano a nascere delle grandi baraccopoli dove viene a vivere la gente che lascia le campagne per venire a cercare di vivere in città. Sono quartieri in cui manca tutto, non c’è acqua né fognatura, le baracche sono fatte solo di pali e stuoie, tirate su nella sabbia.”



Coloro che più soffrono di una situazione così disperata sono i bambini:

“ ... io raduno i bambini più poveri ogni pomeriggio, qui in parrocchia; gli diamo da mangiare e li aiutiamo a fare i compiti e a passare un bel pomeriggio, lontani dalla strada e dai pericoli che ci sono.
Purtroppo, sempre di più, c’è il problema serissimo di bambini che non vanno a scuola, perché le scuole, anche quelle pubbliche, hanno un costo che spesso le famiglie non possono sostenere e perché le scuole pubbliche sono un po’ un disastro: le classi sono di più di 35 bambini, non ci sono banchi e sedie per tutti ... ”

Il problema della scuola è gravissimo. Come sapete dalla scorsa newsletter, qualche mese fa sono stati costruiti, grazie al lavoro volontario di tutti i membri della OMG, cinque nuovi asili per quasi 600 bambini, ma la situazione della scuola elementare resta molto difficile. Lasciamo la parola a Padre Samuele:

“ ... da tempo le famiglie mi chiedono di fare una scuola, soprattutto per i più poveri ... così da dare loro una speranza per il futuro ... Grazie all’aiuto di un imprenditore di qui sono riuscito a costruire il grezzo della prima parte della scuola, la parte per le elementari: 6 aule, i bagni ed un deposito; siamo però fermi al grezzo e per poter iniziare devo riuscire a finire la costruzione ... c’è almeno da finire le aule (pavimenti, intonaci e serramenti), i bagni e fare il cortile interno. Le spese per questi lavori sono per i materiali e la mano d’opera specializzata; la manovalanza la faranno a turno gli stessi genitori gratuitamente.”


Padre Samuele ci rivolge una richiesta di aiuto. Invece di citarlo testualmente, facciamo nostre le sue parole: ci potete aiutare a completare questa scuola?


Vi conosciamo e sappiamo che prenderete a cuore la sorte di questi bambini.